Italia - Repubblica - Socializzazione

 

(Stampato sulle due facciate, dimensioni 16 X 22 cm.)

 

Via i colonialisti yankee-sionisti

 

 

controcorrente

Via P. Villari, 27 - 00184 Roma

 

VIA I COLONIALISTI YANKEE-SIONISTI

 

FUORI GLI USA DALL'EUROPA!

FUORI LA NATO DALL'ITALIA!

 

* Kissinger che si presenta nel mediterraneo come paladino della libertÓ e della pace, Ŕ in realtÓ l'emissario del colonialismo yankee-sionista;

 

* Restituire il Mediterraneo ai popoli mediterranei significa lottare per l'autonomia politica, economica e militare dell'Europa e del mondo arabo dalle ingerenze straniere (USA - URSS - Vaticano - Sionismo);

 

* Solo rigettando la impotenza degli attuali vertici politici corrotti ed asserviti agli arbitri della politica mondiale, si potrÓ costruire una nazione autonoma e realmente libera, cioŔ basata su una scelta di civiltÓ contraria ai miti dell'americanismo e del sionismo imperanti!

 

_____________

 

Dopo la fase di incertezza della leadership USA nel momento della successione di Ford a Nixon, gli Stati Uniti d'America hanno ripreso le redini in mano. Ne sono derivati il monito di Ford e Kissinger ai paesi produttori di petrolio, l'imposizione di un cartello dei paesi consumatori di petrolio, sotto la protezione americana, la condizionabilitÓ politica delle forniture alimentari ed agricole USA, anche verso l'alleato sovietico.

Le conseguenze politiche della offensiva statunitense sono state immediate nel mondo arabo. Attraverso il moderato Feisal d'Arabia (primo ad accorrere dopo le minacce americane verso i paesi arabi produttori dissidenti) con il vertice di Rabat, in seno al quale il monarca saudita filoamericano ha svolto un ruolo predominante, si Ŕ potuto incanalare i paesi arabi e lo stesso Arafat -ad eccezione della Libia di Gheddafi- verso una linea rinunciataria e disponibile al compromesso in vista della Conferenza di Ginevra.

In Italia invece stante la accresciuta importanza del nostro paese dopo gli avvenimenti greci e portoghesi e alla vigilia del dopo Tito, il controllo americano ha seguito due vie:

1) Col viaggio oltre atlantico di Leone Ŕ stata condizionata la concessione di prestiti USA alla accettazione di eventuali ampliamenti delle basi americane in Italia, ed alla preclusione di un inserimento del PCI nell'orbita governativa (pur essendo su posizioni radical-progressiste, privo di volontÓ rivoluzionarie, il PCI non Ŕ gradito agli USA perchŔ rimane legato a Mosca e costituirebbe, al governo, un cavallo di Troia),

2) L'impennata del socialdemocratico di turno Tanassi -uomo degli USA-, i tentativi di scissione sindacale tramite influenze americane sulla CISL, il rilancio degli opposti estremismi grazie alla utilizzazione del terrorismo, fomentato e manipolato dal regime stesso, servono a perpetuare l'immobilismo della politica italiana. Il braccio di ferro tra social-radicali filo-americani (PSI) o moderati cattolici filo-vaticani (DC) si svolge infatti sul comune terreno della fedeltÓ e dell'asservimento ad interessi contrari a quelli del popolo italiano.

In tale quadro appare evidente ci˛ che Kissinger viene a fare in Italia, sia per il suo intervento alla Fao, sia per i contatti politici a Roma.

 

Condividi